Carota

La carota, nome botanico Daucus carota, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Ombrellifere. Questo ortaggio viene coltivato soprattutto per le proprietà della sua radice che ha un alto potere nutritivo e curativo.

La carota è particolarmente ricca di caroteni e di vitamina A. Un etto di carote fresche contengono 8.285 mcg di beta-carotene e 16.701 IU di vitamina A. Recenti studi sostengono che queste sostanze possono offrire protezione nei confronti di alcuni tipi di tumore: prostata, colon e stomaco.
Uno studio del 2012 suggerisce che le donne che assumono molti caroteni hanno un minor rischio di sviluppare il tumore al seno.
La vitamina A inoltre aiuta il fegato a liberarsi delle tossine. Uno studio anglo-danese pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry consiglia una carota al giorno per difendersi dai tumori.

La carota, grazie alla vitamina A ed al beta-carotene, è indicata per problemi agli occhi come la cataratta e altre malattie dell’occhio. Gli individui con basso contenuto di vitamina A infatti hanno più probabilità di sviluppare la cecità al crepuscolo.
Secondo uno studio del 1984 tale patologia può migliorare consumando alimenti ricchi di vitamina A e carotenoidi come le carote appunto.
Secondo diversi studi, i carotenoidi possono ridurre il rischio di degenerazione maculare senile.

Questo ortaggio ha anche un buon contenuto di luteina, un composto antiossidante che protegge l’occhio dai raggi solari dannosi. Uno studio del 1994 ha evidenziato che la luteina era associata ad un ridotto rischio di sviluppare la degenerazione maculare.
Il succo di carota, se assunto quotidianamente, può migliorare la qualità del latte materno ed ha proprietà antinfiammatorie. Ma la carota ha anche altre proprietà. Può aiutare a regolare la quantità di zucchero nel sangue e, grazie al contenuto di fibre, può portare benefici al colon contribuendo a mantenerlo in salute.
La carota si rivela utile anche per la cura di altri disturbi come le malattie gengivali, insonnia, infiammazione ai reni, al fegato ed alla cistifellea, colite, ulcera e Morbo di Alzheimer.

Una vita sedentaria, lo stare molte ore seduti davanti al Pc o al televisore, l’inquinamento, un’alimentazione ricca di grassi, sono tutti fattori che contribuiscono ad aumentare il fabbisogno di vitamina A e beta-carotene da parte dell’organismo.
Fin dall’antichità, la carota è sempre stata considerata un rimedio naturale per la cura delle malattie della pelle. Infatti, beta-carotene e vitamina A, di cui le carote sono ricchissime, sono considerate le vitamine essenziali della pelle.

Molti problemi legati alla pelle, come la precoce insorgenza di rughe o l’eccessiva acne, la pelle secca o la difficoltà ad abbronzarsi possono facilmente dipendere da un insufficiente apporto di questa vitamina. Motivo questo per consumare qualche carota in più durante la settimana.
Esistono diverse varietà di carote con colori diversi: carota nera, viola, gialla, bianca. Queste carote esistono da anni, quelle classiche arancioni che tutti siamo abituati a vedere ed a consumare sono arrivate dopo, probabilmente in seguito a mutazioni di quelle gialle.

Tratto da: www.mr-loto.it